Cerca

Milioni di libri – Recensioni

Tu leggi, leggi ogni volta che puoi, ti salverà!

Mese

ottobre 2015

La prossima volta – Marc Levy

“Conosco una sola alchimia che dona bellezza all’età:  l’amore.”

Autore: Marc Levy

Titolo: La prossima volta

Genere: Romanzo rosa

Pagine: 211

Data di pubblicazione: 2006

Casa editrice: Corbaccio

Prezzo: 14,00 euro

T r a m a  &  R e c e n s i o n e

Jonathan e Anna stanno per sposarsi quando Peter annuncia una notizia che cambierà la loro vita. Ha appena saputo che una galleria di Londra è venuta in possesso di cinque tele di Vladimir Radskin, pittore del XIX secolo del quale Jonathan è il massimo esperto. Tra queste potrebbe esserci il dipinto leggendario smarrito in circostanze misteriose nel 1868, che Jonathan cerca da vent’anni. Quando Jonathan incontra Clara, proprietaria della galleria di Londra, vengono entrambi colpiti da un forte senso di déjà-vu. Indagando per autenticare il quadro, scopriranno molte cose sull’artista ma soprattutto su se stessi. Tre vite differenti, tre destini intrecciati in una corsa contro il tempo per salvare un amore che trascende il tempo…

Marc Levy ci racconta la storia d’amore che va oltre i confini spazio- temporali, molto dolce e intensa che vi porterà a leggere il libro tutto d’un fiato, ansiosi di scoprire come andrà a finire il romanzo, spesso intervallato da déjà-vu.

L’amore “soprannaturale” di Jonathan e Clara è inspiegabile ma travolgente, non si trova una spiegazione a tale attrazione ma c’è ed è forte, più forte dell’imminente matrimonio di Jonathan con Anna. L’ansia di autenticare il quadro li costringe a concentrarsi sulla ricerca delle prove ma insieme scopriranno molte cose sull’artista e su se stessi. All’inizio è un po’ lento, ma poi diventa davvero appassionante. L’ho divorato in due giorni! E’ certamente una lettura piacevole e poco impegnativa, magari adatta a questo periodo in cui le giornate si fanno più cupe e si ha voglia di ritagliarsi uno spazio per sé al calduccio. Lo consiglio ai romantici, a chi crede fortemente nell’amore per la vita e che, in questo caso, va oltre la vita stessa.

Martina

Annunci

I pesci non chiudono gli occhi – Erri De Luca

“Conoscevo gli adulti, tranne un verbo che loro esageravano a ingrandire: amare. Mi infastidiva l’uso. Più di tutto mi irritava l’imperativo: ama. Nei libri c’era traffico fitto intorno al verbo amare. Intorno a me non lo vedevo e non lo conoscevo il verbo amare.”

Autore: Erri De Luca

Titolo: I pesci non chiudono gli occhi

Genere: Narrativa Contemporanea

Pagine: 115

Data di pubblicazione: 2011

Casa editrice: Feltrinelli

Prezzo: 10,20€

T r a m a  &  R e c e n s i o n e

A dieci anni l’età si scrive per la prima volta con due cifre. È un salto in alto, in lungo e in largo, ma il corpo resta scarso di statura mentre la testa si precipita avanti. D’estate si concentra una fretta di crescere. Un uomo, cinquant’anni dopo, torna coi pensieri su una spiaggia dove gli accadde il necessario e pure l’abbondante. Le sue mani di allora, capaci di nuoto e non di difesa, imparano lo stupore del verbo mantenere, che è tenere per mano.

Un bambino di soli dieci anni, timido, responsabile, un po’ solitario, amante della lettura e che ben presto si ritroverà ad avere a che fare col primo amore affacciandosi all’età adolescenziale. Soffre la mancanza del padre e l’ostinato desiderio della madre di non abbandonare Napoli, la città in cui è cresciuta. È un bambino che apprezza i semplici gesti e ama il verbo mantenere, tenere-la mano, perché è una promessa. Si affrontano temi importanti: giustizia e lealtà.Purtroppo devo ammettere che ho poco apprezzato il modo in cui De Luca porta il lettore indietro nel suo tempo, mi è sembrato un po’ autocelebrativo e con eccessiva essenzialità. Poche parole, poca trama, sommari accenni e brevi commenti.Mi rendo conto che probabilmente mi sono fatta travolgere dal titolo particolare e dalla quarta di copertina:

“Il mio corpo non mi sta a cuore e non mi piace. È infantile e io non sono più così. Lo so da un anno, io cresco e il corpo no. Rimane indietro. Perciò pure se si rompe, non importa. Anzi, se si rompe, da lì dovrà venire fuori il corpo nuovo.”

E’ stato il mio primo approccio ad Erri De Luca e purtroppo ho timore di comprare degli altri libri per paura di non riuscire ad apprezzarli, per cui non mi sento di consigliarlo, ma il mio ovviamente è un parere del tutto soggettivo.

 Martina Campisi

Blog su WordPress.com.

Su ↑