Cerca

Milioni di libri – Recensioni

Tu leggi, leggi ogni volta che puoi, ti salverà!

Mese

giugno 2016

Il sogno di Brandon – Salvatore Dolmetti

Solo chi è in grado di guardare lontano può avvicinare i sogni

Titolo: Il sogno di Brandon

Autore: Salvatore Dolmetti

Prezzo: 19,10 €

Prezzo ebook: 4,99 €

Casa editrice: BookSprint

Pagine: 335

T r a m a  &  R e c e n s i o n e

Brandon, il cui nome è un tributo all’indimenticabile Brandon Lee, è un ragazzo con un sogno nel cassetto: vuole diventare un musicista. Impara da autodidatta, a suonare la chitarra quando era ancora un bambino. Vive a Grey Land, un quartiere malfamato, dove domina la criminalità. Nonostante tutto riesce a mantenere il suo buon cuore e non smette di credere nei suoi sogni. È un ragazzo dal carattere forte, ribelle e sicuro di sé. Fidanzato con Michelle, la più bella e ricca della città, ma da sempre, il suo cuore batte per la compagna di banco Isabel. L’amore per la musica, lo porterà a raggiungere il successo rendendolo però schiavo del denaro e nella carriera da rock star rivelerà di avere ancora un altro sogno da realizzare, più grande e importante di quello iniziale. Con l’aiuto del suo migliore amico Morgan e intimorito dalla maledizione delle rock star di morire a ventisette anni, Brandon tornerà sui suoi passi, per riprendersi ciò che gli appartiene, nulla però sarà così facile…

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare leggendo questo libro il perno della storia non è l’amore travagliato tra Brandon e Isabel, fatto di bugie e incomprensioni. Qui il centro di tutto è la certezza di poter esaudire un sogno che si persegue da tanto e che con costanza si coltiva. Brandon infatti riuscirà nel suo intento, otterrà la chitarra che desiderava tanto e  fare successo perchè la musica è ciò che lo rende vivo. Il successo arriva  ma Brandon si perde in cose futili, alcool, droga e ragazze. Ma è davvero questo Brandon? No, il suo sogno più grande è aiutare una delle persone più importanti della sua vita, le dà vita vera e questa è la ricompensa più grande! Devo dire che questa storia mi ha appassionata molto però alcuni punti non mi tornano, come la malattia assolutamente improvvisa di Isabel. Altro appunto che mi duole fare riguarda proprio il prezzo, mi sembra eccessivo, non perchè il libro non valga la pena, intendiamoci, io non sono assolutamente d’accordo a spendere circa 20 euro per un libro e parlo da lettrice appassionata, se lo facessi non potrei permettermi di leggere tutti i libri che leggo, dover sacrificare sempre qualcosa e leggere meno per cui non sono proprio d’accordo con questa politica. Infine, la copertina a mio parere potrebbe essere resa più bella, adoro quegli occhioni azzurri in primo piano e assolutamente rappresentativi del romanzo ma trovo che nel complesso ci sia qualcosa che stoni.

Questo ovviamente è un mio parere ed in quanto tale assolutamente soggettivo! Ringrazio moltissimo Salvatore per l’opportunità datami e spero che le mie “critiche” possano essergli utili in qualche modo.

Martina

Annunci

Finalmento ho messo in disordine – Simone Carta

– Cosa ne pensa lei? Lei desidera ma non desidera. Lei vuole ma allo stesso tempo non vuole. – Non penso, anzi sì penso, cioè, credo. È grave?

– No, non è grave. Ma il problema sta nell’accettarla, nel non reprimerla, cosa che lei fa con una fasulla sicurezza. Deve farne tesoro, accoglierla come parte di se stesso e pensarla a come una ricchezza, una creatività del suo carattere. La prenda con più serenità. Le troppe certezze che vuole porsi forzatamente, la rendono ancor più insicuro.

E’ una raccolta di poesie che esprime sentimenti ed impressioni, descrive esperienze , fatti quotidiani, la caratteristica infatti che colpisce maggiormente è la possibilità di ritrovarsi nelle parole di Simone. Ci parla di sensazioni di smarrimento, l’innamoramento e la voglia di trascorrere ogni momento della giornata con la persona amata, l’ambivalenza di chi vuole apparire forte e sicuro di sè mentre invece è incerto ed insicuro, delusioni d’amore, le giornate storte, il pensiero di ciò che vorremmo fare se domani finisse il mondo, la malinconia, le promesse mai mantenute. Questo e tanto altro che scoprirete da soli e che colpirà ognuno di voi in modo diverso, ognuno con la sua sensibilità, con la sua realtà psicofisica del momento, tutto è soggettivo e relativo. Il titolo mi fa pensare ad una sorta di liberazione, ad un voler uscire dagli schemi e seguire il proprio Io, il disordine potrebbe essere solo un modo diverso per dare un ordine.

Anni fa,molti anni fa, anch’io scrissi delle poesie e rileggendole adesso mi viene da sorridere, non riuscirei mai a renderle pubbliche perchè in fondo non ci credo. Ma chi lo fa deve essere apprezzato perchè è capace di mettere a nudo i pensieri e creare un sentiero che lo porti al cuore del lettore, non ha paura dei giudizi, sente il bisogno di dire qualcosa al mondo, di raccontarsi, di dare un nuovo senso alle cose.

Grazie a Simone per avermi dato l’opportunità di leggere la sua raccolta, gli auguro tanto successo  di continuare ad esprimere ciò che sente.

Martina

Giglio Bianco – Note di vero amore

Anche “Giglio Bianco – Note di dolore” mi lasciò col fiato sospeso, sono una persona molto curiosa e il fatto di dover aspettare per scoprire qualcosa, e in questo caso sapere come andrà a finire, mi fa sclerare un pochetto! 😛 La storia di Luke a Lavinia qui trova la sua pace nonostante lui abbia un segreto che non può rivelarle e che pesa come un macigno. Riusciranno a superare altre difficoltà grazie all’amore viscerale che li ha uniti, a pubblicare i loro due libri, che in realtà è sempre lo stesso ma narrato da due punti di vista differenti , “L’inizio di una nuova vita” e “La fine di un incubo”. Ci saranno colpi di scena, momenti di passione e altri commuoventi, non solo perchè vedono il confronto tra Lavinia e il padre ma anche perchè Simona, cosi come nei libri precedenti, guida il lettore nella lettura, lo aiuta ad immergersi nel momento clou della storia facendolo cullare, illusoriamente, dalle note di Lavinia. Lei perderà una delle persone più importanti della sua vita nella consapevolezza però di essere stata fortunata a godere del suo affetto anche se per poco tempo. Ma la vita toglie e dà, e la sua sarà colma di un amore che solo una madre può conoscere. La storia scorre veloce e alla fine di ogni capitolo cresce la curiosità di sapere come si svolgerà la vicenda.

Per la terza volta Simona non mi ha delusa e da pochi giorni ho potuto scoprire con piacere che  i suoi libri saranno pubblicati in cartaceo e disponibili nelle migliori librerie anche in formato ebook. Vi allego la copertina che io trovo davvero rappresentativa e vi auguro di poterlo leggere presto! 🙂

13512044_1209450162422501_8642812875898290697_n

Prometto di sbagliare -Pedro Chagas Freitas

« Nessuna felicità è prevedibile – e se c’è una cosa veramente allegra nella felicità è quella costante imprevedibilità, quella sensazione di porta che si apre senza sapere cosa ci sta dietro.. »
Titolo: Prometto di sbagliare
Autore: Pedro Chagas Freitas
Casa Editrice: Garzanti
Pagine: 380
Prezzo: 16,40€
Pubblicazione: agosto 2015
T r a m a  &  R e c e n s i o n e
Il locale è affollato e rumoroso. L’uomo è seduto vicino alla finestra e guarda il cielo grigio, annoiato come ogni lunedì mattina.
Improvvisamente si volta e lei è lì, di fronte a lui. Gli occhi carichi di stupore e l’imbarazzo tradito dal tremito della dita che afferrano la borsa. Sono passati anni dall’ultima volta che l’ha vista, il giorno in cui l’ha lasciata. Senza una spiegazione, senza un perché, se n’è andato spezzandole il cuore. Da allora, lei si è rifatta una vita, e anche lui. Eppure solo ora si rende conto di non avere smesso di amarla neanche per un secondo. Per questo, quando lei cerca di fuggire da lui, troppo sconvolta dalle emozioni che la percuotono, l’uomo decide di fermarla. E nel loro abbraccio, in mezzo ai passanti, prometterle di tentare, agire, cadere, sbagliare di nuovo. Amarla. Davvero e per sempre. Questa sembrerebbe la fine, ma non è che l’inizio della loro storia. Perché ogni loro gesto, ogni lettera che si scrivono, ogni persona che incontrano, ha un universo da raccontare. E l’amore è il filo rosso che lega tutto. Quante volte ci siamo chiesti com’era l’amore da cui siamo nati? Come si è sentito nostro padre la prima volta che ci ha tenuto in braccio? L’emozione più grande è quella di ritrovare quello che si è perso e amarlo di nuovo, come se fosse la prima volta.
Avevo letto tante recensioni positive di questo romanzo, ero curiosa di leggerlo ma ho sempre rimandato questo acquisto, finchè un pomeriggio inaspettatamente mi è stato prestato ed ero davvero felice di poterlo leggere finalmente. Mi rendo conto che potrei risultare una voce fuori dal coro ma a me questo libro non è piaciuto per niente. Non ho trovato una vera trama, dei personaggi, un nesso logico ad un’accozzaglia di frasi (senza dubbio ad effetto) che alla fine non dicono nulla di concreto. Non vi so dire con esattezza il perchè, forse non sono riuscita a cogliere la particolarità dello stile. Ho fatto una gran fatica a finirlo perchè di norma non lascio nessun libro a metà, credo che solo dopo averlo letto tutto si può dare un’opinione completa. Di sicuro la sinossi trae in inganno perchè non c’è nessuna storia, solo un fidanzato che viene abbandonato dalla fidanzata e solo in quel momento prende coscienza dell’amore che provava nei suoi confronti, dopo tanti anni decide di dirglielo. Non so, io non lo consiglierei ma sarei curiosa di sapere cosa ne pensate 🙂 aspetto i vostri commenti!
Martina

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑