Gli amori difficili – Italo Calvino

…e gli pareva che là nell’informe pasticcio della vita fosse nascosta la linea segreta, l’armonia, solamente rintracciabile alla ragazza celeste-cielo, e questo fosse il miracolo di lei, di scegliere a ogni istante nel caos dei mille movimenti possibili quello e quello solo che era giusto e limpido e lieve e necessario, quel gesto e quello solo, tra mille gesti perduti, che contasse.

 

Titolo : Gli amori difficili

Autore: Italo Calvino

Editore: Mondadori

Genere: racconti

Pagine: 262

Costo : 11.00

T r a m a  &  R e c e n s i o n e

Calvino ci propone tredici racconti che non ruotano attorno all’amore in senso proprio ma piuttosto si focalizzano sugli amori fugaci, improvvisi, platonici,inafferabili, persi per un nonnulla. Ecco, la fugacità è un elemento centrale  in ogni racconto. Descrive stati d’animo affannosi, impulsi, il sapore dell’avventura,le incertezze, i dualismi, silenzi, vuoti e difficoltà comunicative. E’ un Calvino che cambia il suo abito in poche pagine, è uomo, è donna, viaggiatore, sciatore, automobilista, uomini comuni insomma. Ognuno di questi personaggi si guarda dentro e allo stesso tempo con occhi esterni. Dei racconti mi ha colpito soprattutto “L’avventura di un automobilista”, qui il protagonista decide di andare dalla fidanzata con la quale ha avuto un litigio, si è pentito, macina chilometri per andare da lei ma anche in questo caso non riescono a trovarsi. I segnali che mandiamo vicendevolmente non arrivano sempre come vogliamo, non sempre ci si comprende e ci si “riconosce” tra tanto rumore. Lo stile di Calvino è inconfondibile, come lo è l’approfondimento psicologico dei personaggi dei suoi racconti. Alla fine di ognuno dei quali si rimane un pò perplessi, tutto rimane sospeso nel dubbio ma questo mi ha incuriosita racconto dopo racconto. Ho amato la punteggiatura puntuale e perfetta, l’ironia tagliente, le verità nude e crude, il suo essere mai smielato e ho compreso ancor di più quanto l’amore possa essere a volte impalpabile, immaginato, come è facile ingannarsi perchè non si capiscono i “segnali, come li chiama lui, che si intrecciano confondendoci. L’amore può essere mancanza e distanza.

Bello, bello, bello!! E consigliato! 🙂

Martina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...